MEDIE
ISTITUTI PRIVATI
 

 

 
 

Dallo scritto allo scritto

 

Le cause per cui si legge su molte, ma prima di cominciare a leggere il lettore si orienta guardando le informazioni di contorno al testo, quelli che permettono di capire l'organizzazione e gli argomenti del libro in modo più analitico. Per rendersi conto se l'opera è interessante per i propri scopi una lettura dell'indice è forse l'operazione più importante.

Non esiste un modo solo di leggere la lettura può essere: sequenziale, cominciare cioè dalla prima pagina continuare fino all'ultimo, o non sequenziale, come la lettura di un dizionario enciclopedia. Un testo possiede alcune caratteristiche che aiutano il lettore a identificare lo svolgimento dell'esposizione senz'obbligarlo a lettura integrale.

Un libro si divide in capitoli e paragrafi, titolo dei capitoli e dei paragrafi segnalano esplicitamente il contenuto e l'ordine dell'esposizione. I capitoli sono blocchi di testo all'interno del libro, i paragrafi blocchi di testo all'interno dei capitoli; entrambi servono a classificare e ripartire la materia in blocchi ampi.

Non tutto ciò che è esposto in un testo scritto ha lo stesso peso, e un testo che voglio raggiungere l'efficacia comunicativa segnalerà il diverso grado di importanza dei contenuti in vari modi:

•  una di caratteri tipografici diversi, permette il rilievo alcune parole

•  uso di corpi tipografici di diversa misura

•  distinzione fra il testo propriamente detto e le note

I passaggi da un capitolo all'altro indicano il cambio di argomento, ma all'interno di un paragrafo il passaggio da un capoverso all'altro è una funzione affidata a preposizioni, congiunzioni, avverbi, altre parole o gruppi di parole o anche parti del discorso che hanno quindi la funzione di unire le sezioni del testo. Le funzioni fondamentali di queste parole sono:

•  congiungere, unendo

•  mettere in relazione

•  contrapporre

•  stabilire rapporti nel tempo , nello spazio e di causa ed effetto

•  segnalare una conclusione

•  indicare una causa dalla quale non deriva un effetto

•  individuare il fine

•  istituire un confronto

•  sottolineare la trattazione di un argomento

Riformulare un testo, cioè formulare e disporre in modo diverso, è un'operazione linguistica e concettuale che si compie di continuo. Esistono vari modi per formulare un testo scritto:

•  parafrasi, è la riscrittura integrale di un testo originale (testo A) in un testo derivato, appunto la parafrasi (testo B). Comunemente si fa oggetto di parafrasi un testo scritto che presenti nelle difficoltà di contenuto, che tocca alla parafrasi chiarire. Il testo B riproduce integralmente il contenuto del testo A , è altrettanto lungo anche più lungo. La frasi è un'attività e parente alla traduzione però nella parafrasi la lingua del testo A è uguale a quella del testo B.

•  appunti: la lettura è soggetta alla deformazione della nostra memoria perciò è necessario prendere appunti in forma più o meno organizzata.

•  schede ,sono informazioni ricavate da un testo, su ogni scheda si trascrive non la totalità dell'informazione ma una piccola unità di esse.

•  Riassunto, consiste nel trasformare un testo A in un testo B riproducendolo in forma abbreviata. È un'attività scolastica e trova impiego in molte occasioni della vita lavorativa. Non si può riassumere un testo senza averlo capito e interpretato. Il riassunto dovrà essere indipendente dal testo A e quindi conterrà informazioni di base senza che sia necessario risalire al testo originale.

Fuori dalla scuola le occasioni di comporre riassunti puri sono rare anche se l'attività del riassumere è molto frequente. Un testo professionale è generalmente il risultato della riformulazione spesso riassuntiva di uno o più testi. La difficoltà principale del riassunto consiste nella individuazione della informazione principale del testo e separarla da informazioni che possono essere evitate.

L'essenziale, quindi, è che il riassunto conservi l'informazione principale del testo originale. Possono verificarsi casi in cui si riassume voglia cambiare, per motivi suoni, la gerarchia delle informazioni offerte dal testo A. Le informazioni di sfondo possono essere promosse a informazioni di primo piano e viceversa.

Anche quando non si ha voglia di alterare la gerarchia delle informazioni del testo A, il riassunto essere mirato, cioè concentrarsi su un aspetto particolare. Una considerazione merita la riassunto: vari tipi di testo, per esempio una relazione una tesi, possono essere preceduti da un riassunto.